Primi passi nel mondo del crochet

Ciao a tutti… che giornatacciaaaa

La pioggia proprio non la sopporto! Mi mette una tristezza addosso…

Oggi breve post per raccontarvi com’è nata questa nuova avventura… il crochet!

Dovete sapere che mia madre è un MOSTRO con l’uncinetto. Fa tutto, gioielli,  quadri, amigurumi, composizioni floreali… è fenomenale. Le ho chiesto se poteva farmi una copertina Old America per la nuova cameretta. Alla frase “certo amore ma potresti farla anche tu, è così semplice!”… semplice?? Ma non ho mai preso in mano un uncinetto, mammaaaaa

Però… ho colto la sfida: almeno proviamoci! E così vi presento… le prime due granny square della mia vita!!!

19012014-20140119_173421 19012014-20140119_173443

Sono troppo contenta e come immaginavo… é giá una droga!!

Ovviamente la mia maestra è superorgogliosa, evviva!

Giusto per farvi capire, questo é il suo ultimo capolavoro… vi presento Verdina, Rosina e Bianchina!! Queste tre simpaticissime gallinelle fanno parte della nostra famiglia ormai!

17012014-20140117_18140617012014-20140117_194409

Quanto sono adorabili??

Un abbraccio a tutti!

firma blog copy

Annunci

Parola d’ordine: Cambiamento

Oggi va così. Giornata piatta e sfruttamento del blog come diario di Bridget Jones.

Una delle pochissime (fortunatamente) cose che rimpiango nella vita, è l’aver scoperto troppo tardi alcune mie doti ed averne – ahimé – dovute abbandonare altre scoperte fin da subito.

Non voglio passare per menosa. Mi spiego.

Fin da piccola mio papà aveva capito che ero intonata. Lui, musicista e compositore, mi ha messo davanti a un microfono a 5 anni, ed ho continuato a fare musica per gli anni a venire. Peccato che lui vedeva in me Celine Dion quando ero una Skin… certo, più bassa e tarchiatella 🙂

Con la nascita di Riccardo ho dovuto fare tante rinunce. Una di queste, la musica. Ci ho provato. Nulla. Ecco il primo rimpianto.

Ahimé, l’amore per il cucito e l’arredo della casa in generale è nato da qualche anno. Quando – ovviamente – ho in mano un lavoro (sempre fortunatamente) stabile come impiegata assicurativa lontana 80 km da casa. Ovvio. Ah, il tutto avendo come nonna una sarta eccezionale e come mamma una maga dell’uncinetto. Ecco l’altro rimpianto. Aver perso delle opportunità, non averle colte quando era possibile. Magari oggi ero una designer di interni o avevo il mio negozietto di cucito & craft…

Niente. Oggi va così… sono nel mood nostalgico… sarà il tempo grigio e uggioso di Milano che vedo fuori dal finestrino di questo freddo treno.

In questo periodo di stacco mi sto focalizzando sulla realizzazione del progetto della cameretta di Riccardo. Ho tutto ben chiaro nella mia testa, ma concretizzarlo non è poi così facile.

Domenica sono andata con mio marito (miracoloooo) all’Ikea per mostrargli i mobili scelti per l’arredo, e con mia grande sorpresa sono stata promossa a pieni voti!!

Ecco cosa ho scelto in linea di massima:

Hemnes

Letto Hemnes – Ikea

Guardaroba Hensvik - Ikea

Guardaroba Hensvik – Ikea

Aggiungerò poi una combinazione di armadio Pax + Besta e Stuva (con Anta Vassbo), tutto rigorosamente Pure White. Il tocco di colore sarà dato da muri e accessori. Il tema: il Mare.

Vi posterò la foto della camera/sgabuzzino che c’è ora… un disastro, povero piccolo! Non vedo l’ora di dargli quello che si merita!

In questo clima, la voglia di cambiamento è tanta. E così, ho deciso di rinnovare anche la cucina e la sala. Senza troppi lavori, ma eliminando il superfluo e rendere il tutto lo specchio della mia anima. Vediamo che ne verrà fuori!

Quindi, alla prossima con il restyling passo a passo 😉

Un abbraccio,

firma blog copy