Spagna del Nord – da Santiago a Barcelona – Itinerario di 6 giorni

Della serie: viaggi last minute!

Eh già, questo viaggio è nato quasi per caso (non era davvero previsto!) e devo ammettere che si è rivelato immensamente bello, specialmente per Riccardo! Il tempo di tornare da UK e già eravamo pronti a ripartire due giorni dopo.

Non si tratta di un vero e proprio racconto di viaggio, ma una condivisione degli appunti che avevo preso e dell’itinerario seguito, per essere utile a chi vuole intraprendere lo stesso percorso 🙂

Cominciamo!

Dove: Spagna del Nord – da Santiago de Compostela a Barcelona, passando per la Galizia, le Asturie, i Paesi Baschi, Navarra, La Rioja, Aragona e Catalunya

Come: Aereo per Santiago de Compostela, noleggio auto per 6 giorni con rilascio a Barcelona, aeroporto di rientro

Periodo: giugno 2017 – 6 giorni, da martedì 20/6 a domenica 25/6

Clima: Ventoso al nord, caldo torrido al centro fino a Barcelona. Come per il South England, abbiamo scelto l’altra settimana più calda dell’ anno, con minime di 25 gradi e toccando picchi di 40 gradi.

Costi: Medi. In 3, circa 1.500€. I voli per Santiago li ho acquistati con EasyJet a 20€ l’uno! Da Barcelona, rientro con Vueling a circa 300€ in 3. Cibo, sistemazioni, auto e benzina nella norma (i costi di rilascio in località diversa sono stati di soli 50€).

Cominciamo!

MARTEDI 20/06 – Galizia – Santiago de Compostela e Illas Ciés

Volo per Santiago de Compostela  – arrivo ore 10.30 – Ritiro auto ore 10.45 c/o Thrifty – Pagare sovrattassa € 45+vat

Brevissima tappa a Santiago de Compostela.

Dirigersi a Vigo per imbarco alle Illas Ciés. Vigo, Calle Cánovas del Castillo, 26 planta baja, 36202 Vigo, Pontevedra, Spagna Latitudine: 42.24009 | Longitudine: -8.72529 1h10 – Compagnia Naviera Mar de Ons.

Imbarco Ciés alle 15.30 (45min) – biglietti acquistabili al porto. Rientro alle 19.15

Pernottamento (CONSIGLIATISSIMO!): Hotel Casa Franco LU-160, Cristo 6, 27773 Adelán, Lugo, Spagna  (2h35)

MERCOLEDI 21/06/2017 – Playas de Galicia y Asturias e Los Picos de Europa

Albergo > Playa de Catedrales – 30 min (partenza alle 7,30 max) Latitudine N 43 33 14.339 – Longitudine O 7 9 26.227

it is advisable to visit the Beach around the low tide: from two hours before until two hours after. In piena estare è necessario prenotare l’accesso preventivamente: https://ascatedrais.xunta.gal/monatr/iniciarReserva?lang=en

Nel nostro caso, marea bassa picco alle 8.40 – Visitare questa meraviglia al mattino ci ha permesso di goderne appieno la magia. Non ci sono parole per descrivere cosa la natura sia stata in grado di creare e modellare.

Playa Catedrales > Playa de La Gueirua, 33158 Santa Marina del Rey, Asturias, Spagna – 50 min Latitudine N 43 33 48.153 Longitudine O 6 18 36.266

Una playa casi desierta de cantos rodados. El accesos es difícil hay que dejar el coche en Santa Marina y bajar andando y bajar unos acantilados por unas escaleras que luego hay que subir. Es magnífica para hacer fotografías o pasar el día tranquilamente acompañado del murmullo de las olas. La  Playa de Gueirua, situada en el pueblo de Santa Marina en el concejo de Cudillero. Una vez entramos en el pueblo viniendo desde el pueblo de Castañeras, debemos coger el primer camino que aparece a mano derecha tras pasar el letrero del pueblo, a unos 50 se encuentra una casa azul, donde debemos estacionar y continuar a pié. Tras esta casa hay un sendero que conduce directamente a la playa. En la parte superior hay un mirador antes de descender a ella. Bajamos por las escaleras, a la derecha se puede oír un riachuelo que desemboca en el mar. Ya en la playa se encuentra una pequeña caseta de aperos y unas barcas de pescadores. También se llega a ella desde la cercana localidad de Novellana. Desde esta localidad se va hasta el pueblo de Santa Marina, desde donde caminaremos hacia la costa. Pronto encontraremos los acantilados en los que está encajada esta playa. La bajada final a la playa se hace por unas escaleras.

Playa del Silencio (solo dall’alto) – 10 min N-632, 33157 Castañeras, Asturias

Verso i Picos de Europa: Santa Cueva de Covadogna – 1h45 – arrivo per le 14.30/15 – Visitare la chiesetta Lugar Covadonga, s/n, 33002 Covadonga, Asturias, Spagna  Latitudine: 43.307206 | Longitudine: -5.054044 / Latitudine N 43 18 25.941 Longitudine O 5 3 14.557

Giro in macchina: Santuario> Lago de Enol 20 min (Belvedere de  la Reina sulla strada) > Lago de la Ercina > 5 min

Playa de Gulpiyuri (1h10) e poi Playa de Torimbia (20min).

Playa Gulpiyuri   Latitudine N 43 26 50.988 Longitudine O 4 53 9.534

Playa Torimbia LAT N 43 26 31.493 LON O 4 51 6.262

Pernottamento: Pension Toranda La Fabrica, s/n , 33595 Niembro, Spagna

GIOVEDI 22/06/2017 – Cantabria e Paesi Baschi

Albergo > San Juan de Gaztelugatxe – 2h30 – Lugar Barrio Gibelortzaga, 9A, 48370 San Juan de Gaztelugatxe, Bizkaia, Spagna

Latitudine: 43.447 | Longitudine: -2.785 arrivo verso le 11 – visitare Latitudine N 45 28 44.642 / Longitudine O 9 50 42.875

Se avete noleggiato un’auto, potrete raggiungere l’isola seguendo le indicazioni stradali.  Non si arriva più a ridosso del ponte a causa del terreno molto fragile. Parcheggiate quindi in cima alla collina di fronte a Gaztelugatxe e iniziate a camminare (circa 1 chilometro). Orari: la scalinata è sempre aperta ma la chiesa è aperta dal martedì al sabato dalle 11 alle 18 e la domenica dalle 11 alle 15.

Ripartire e andare a vedere (2h viaggio) Salto del Nervion, Monte Santiago, Sierra Salvada, 01468 Berberana, Burgos. Parcheggiare e con una breve camminata di 2.5 km si arriva. Vale la pena anche senza acqua. Latitudine N 42 56 32.678 Longitudine O 3 0 1.453

Como la mayoría de los lugares, al Salto del Nervión se puede acceder desde diferentes zonas, pero sin duda, la carretera que nos conduce desde el núcleo urbano de Orduña hasta la cima del puerto de mismo nombre, es uno de los caminos más transitados. Esta carretera, conecta el centro de la localidad bizkaina de Orduña con el nacedero del Nervión salvando un desnivel de 900 metros,  una ruta con curvas de vértigo, que hacen las delicias de los amantes del ciclismo y el motor (carretera A-2625),  un puerto típico de montaña. Una vez en lo alto del puerto, debemos seguir la carretera hasta encontrarnos con la entrada del Monte Santiago, a la izquierda, junto a una pequeña caseta, un paso canadiense y el primero de los aparcamientos. El resto del camino no tiene perdida, es sencillo, solo debemos seguir la pista forestal hasta dar con el aparcamiento que más se amolde a vuestras necesidades.

El Monte Santiago pone a nuestra disposición 3 zonas donde aparcar nuestros vehículos, 3 parkings con aforo limitado que muchas veces se ven desbordados por el número de visitantes.

  • Parking número 3: Aparcamiento Fuente Santiago, junto a la casa del Parque del Monte Santiago, el parking más cercano al Salto del Nervión, recomendado para familias y personas que únicamente quieren conocer el nacedero del río Nervión y recorrer distancias cortas. En este aparcamiento es donde termina la carretera apta para turismos, no tiene perdida
  • Origen: Aparcamiento Fuente Santiago.
  • Destino: Aparcamiento Fuente Santiago.
  • Código de la ruta: PR-BU 41 +  PR-BU 45 + PR-BU 42 (Ruta circular)
  • Longitud: 6.4 km
  • Dificultad: Baja
  • Tiempo: 1 hora y 20 minutos.- Desnivel de subida: 122 metros.

Proseguire ancora 1 oretta per arrivare all’albergo

Pernottamento (MERAVIGLIOSO): Posada de Sajazarra – Duro 3 Bajo Sajazarra

Consiglio di prendere l’auto e girare a zonzo come abbiamo fatto noi. Siamo stati sfortunati perché dopo km di camminata non abbiamo potuto vedere la cascata in quanto avvolta completamente nella nebbia. Ci siamo rifatti sbevazzando ottimo vino rosso nel bellissimo borgo di Sajazarra, nella Rioja.

VENERDI 23/06/2017 – Navarra – Las Bardenas Reales – e Aragona – El Salto del Bierge

Prima tappa: 1h40 – Prenotata visita per le 9,30 alle Bardenas reales – durata 4 ore circa € 95 per tutta la famiglia – Meravigliosa escursione guidata che permette di vedere zone altrimenti inaccessibili. La guida, Enrique, AMA la sua terra e ci ha trasmesso la sua passione… GRAZIE!

Da Bardenas Reales a El Salto del Bierge – 2h10. Parcheggiare presso Restaurante/Albergue El Salto Afueras, 8, 22144 Bierge, Huesca, Huesca
Latitudine: 42.172725 | Longitudine: -0.090391 Latitudine N 42 10 22.433 Longitudine O 0 5 26.796

Che posto! Ci siamo rinfrescati dopo una giornata sotto il sole a quasi 40 gradi!!

Pernottamento: Albergo Hotel Goya Alcalde Costa, 9, 25002 Lleida, Spagna – 1h15

SABATO 24/06/2017 – BARCELONA

Tip: NON pensate di prenotare al momento. Fatelo prima, almeno 2/3 giorni prima, o non troverete minimamente posto!

  • La Catedral
  • Barrio Gotico
  • Rambla
  • Casa Batllò (orario di apertura dalle 9 alle 21, costo 21,5€)
  • La Pedrera (orario di apertura dalle 9 alle 2o, costo 16,5€)
  • Park Guell (orario di apertura dalle 8 alle 21,30 costo 7€)

Pernottamento: Pensiò 2000 – di fronte al Palau de la Musica

DOMENICA 25/6 – BARCELLONA e rientro a casa

  • Sagrada Familia (orario di apertura dalle 9 alle 19, costo 19,5€)
  • Santa Maria del Mar
  • Barceloneta
  • Mercato di Santa Caterina 

Rientrare in albergo max alle 12 e andare in aeroporto (30 minuti di viaggio) – rilascio auto e volo alle 15,10.

Annunci

Gita fuori porta: Val Formazza

Ciao a tutti

Un breve post per consigliare una gita di due giorni nell’incontaminata Val Formazza

Le camminate da noi scelte sono molto fattibili con un bambino di 5/6 anni, sempreché sia già abituato a camminare (stiamo parlando di circa 30 km in due giorni!).

GIORNO 1 – Alpe Devero > Lago delle Streghe (Lago Azzurro) > Lago di Devero (o Codelago) > Crampiolo + Orridi di Uriezzo

Siamo partiti da Varese, in un’oretta e 20 siamo arrivati alla prima tappa: Alpe Devero.

Abbiamo parcheggiato l’auto presso tale località ed iniziato il nostro cammino verso il Lago delle Streghe e successivamente al Lago di Devero (o Codelago), per poi tornare indietro attraversando Crampiolo (Piantina).

Il tutto in circa 4h, fermandoci a mangiare per un pic-nic in riva al lago di Devero.


Nel pomeriggio ci siamo recati a Premia, seguendo le indicazioni per visitare gli Orridi di Uriezzo, davvero bellissimi! Dall’oratorio di Santa Caterina (dove c’è un piccolo parcheggio) abbiamo iniziato il percorso a piedi visitando dapprima l’orrido Ovest, successivamente il suggestivo Orrido Sud arrivando fino alle marmitte dei Giganti. Il tutto con calma per 1h30.


GIORNO 2 – Riale > Diga di Morasco > Alpe Bettelmatt > Lago di Morasco + Cascate del Toce

Verso le 9,30 ci siamo recati a Riale, parcheggiando l’auto poco prima del paese (consiglio però di arrivare fino al parcheggio della Diga e tornare indietro a piedi per visitare Riale, perché merita).

Abbiamo percorso in piano la prima tratta fino alla Diga, dopodiché al bivio per dirigersi all’Alpe Bettelmatt (che si incontra al termine della sponda sinistra del lago), abbiamo optato per il percorso in salita a tornanti sulla nostra destra (non segnalato da cartelli), più lineare (a tornanti ma ampio e con terreno in piana) ma più “noioso” per il piccolo, cascatella da attraversare a piedi a parte, il tutto per circa 1h30 (Piantina).

Ci siamo fermati per un pic-nic nella meravigliosa piana di Bettelmatt, in mezzo (ma proprio accanto!) alle mucche che pascolavano godendo del silenzio ed ammirando il Lago di Morasco dall’alto.

Dopo pranzo abbiamo optato di scendere a valle per il percorso opposto, e terminare il giro del lago sulla sponda opposta, attraversando infine la diga e tornando a Riale. Il tutto (con pausa picnic e pausa riva lago) in 4 ore.


A soli 2 km, sulla strada del ritorno, abbiamo visto la Cascata del Toce dall’alto (controllate sempre gli orari di apertura!), ripreso la macchina, facendo una sosta foto a valle della Cascata.

Per chi ha tempo e voglia, c’è un percorso per arrivare a piedi da cima a valle o viceversa.


Che dire: ci torneremo sicuramente!

Un abbraccio

Eleonora.

New Life for my Garden!

Ciao a tutti!

come vi avevo anticipato tempo fa, erano ANNI che desideravo dare un senso a quel piccolo spazio di verde che incorniciava la mia casetta, e che fino ad ora avevo abbandonato a sè stesso.

E così, mettendo via anno dopo anno, siamo finalmente riusciti a realizzare questo sogno!

Ecco come si presentava il giardino…

IMG-20150830-WA0011 IMG-20150830-WA0010 IMG-20150830-WA0005 IMG-20150830-WA0012

Un totale disastro!!! Se penso che per 8 anni è stato così…

Dopo un annetto di schizzi, disegni, progetti, e dopo MILLE posti, abbiamo finalmente trovato chi ci ha capiti ed ha messo in opera il nostro sogno!! Un ringraziamento speciale va quindi al team di Nicora Garden di Gazzada (grazie Moreno!!).

Piante: Di ciò che avevamo, abbiamo tenuto solo l’acero e le rose del gazebo. Abbiamo optato per piante molto “semplici” da gestire e abbastanze autonome! Per l’ingresso abbiamo optato per piante a fioritura primaverile e che richiedono un terreno acido (come il nostro!), come ortensie, rododendro, peonie e annuali (phlox e campanule). Per il laterale, abbiamo creato una zona per le spezie, piantato clematis da far salire sul lato “morto” della casetta, e scelto piante a fioritura estiva, come lavanda, agapanthus, rosmarino e ortensie. Per il gazebo, ho realizzato il mio sogno.. Un glicine!!! Ovviamente, da far rampicare al gazebo esistente, che necessita urgentemente di essere dipinto come la casetta!

Decori: Abbiamo comprato a Leroy Merlin una casetta in legno, circa 200×180, e l’abbiamo dipinta con 2 mani di fondo per esterni Sikkens e altre due mani di smalto per esterni della stessa marca, optando per un greige chiaro. Lo stile scelto è (ma dai??) quello Shabby… Ho mille progetti ancora, piano piano diverranno realtà!!

Pavimentazione: I camminamenti sono FAVOLOSI, abbiamo deciso anche di incassare delle luci per creare atmosfera per le sere di estate, scelta azzaccatissima perché sono davvero uno spettacolo!

Recinzione: onde evitare di avere troppe cose da dipingere e ridipingere, la scelta è caduta per una recinzione in PVC. Grazie a Zucchi, siamo riusciti a creare un ambiente caldo e per niente “sintetico” come pensavo!

Vi lascio alle immagini, scattate tra fine aprile ed ora… Spero vi piacciano, io sono super soddisfatta del risultato!

Un abbraccio,

Ele.