Gita fuori porta: Val Formazza

Ciao a tutti

Un breve post per consigliare una gita di due giorni nell’incontaminata Val Formazza

Le camminate da noi scelte sono molto fattibili con un bambino di 5/6 anni, sempreché sia già abituato a camminare (stiamo parlando di circa 30 km in due giorni!).

GIORNO 1 – Alpe Devero > Lago delle Streghe (Lago Azzurro) > Lago di Devero (o Codelago) > Crampiolo + Orridi di Uriezzo

Siamo partiti da Varese, in un’oretta e 20 siamo arrivati alla prima tappa: Alpe Devero.

Abbiamo parcheggiato l’auto presso tale località ed iniziato il nostro cammino verso il Lago delle Streghe e successivamente al Lago di Devero (o Codelago), per poi tornare indietro attraversando Crampiolo (Piantina).

Il tutto in circa 4h, fermandoci a mangiare per un pic-nic in riva al lago di Devero.


Nel pomeriggio ci siamo recati a Premia, seguendo le indicazioni per visitare gli Orridi di Uriezzo, davvero bellissimi! Dall’oratorio di Santa Caterina (dove c’è un piccolo parcheggio) abbiamo iniziato il percorso a piedi visitando dapprima l’orrido Ovest, successivamente il suggestivo Orrido Sud arrivando fino alle marmitte dei Giganti. Il tutto con calma per 1h30.


GIORNO 2 – Riale > Diga di Morasco > Alpe Bettelmatt > Lago di Morasco + Cascate del Toce

Verso le 9,30 ci siamo recati a Riale, parcheggiando l’auto poco prima del paese (consiglio però di arrivare fino al parcheggio della Diga e tornare indietro a piedi per visitare Riale, perché merita).

Abbiamo percorso in piano la prima tratta fino alla Diga, dopodiché al bivio per dirigersi all’Alpe Bettelmatt (che si incontra al termine della sponda sinistra del lago), abbiamo optato per il percorso in salita a tornanti sulla nostra destra (non segnalato da cartelli), più lineare (a tornanti ma ampio e con terreno in piana) ma più “noioso” per il piccolo, cascatella da attraversare a piedi a parte, il tutto per circa 1h30 (Piantina).

Ci siamo fermati per un pic-nic nella meravigliosa piana di Bettelmatt, in mezzo (ma proprio accanto!) alle mucche che pascolavano godendo del silenzio ed ammirando il Lago di Morasco dall’alto.

Dopo pranzo abbiamo optato di scendere a valle per il percorso opposto, e terminare il giro del lago sulla sponda opposta, attraversando infine la diga e tornando a Riale. Il tutto (con pausa picnic e pausa riva lago) in 4 ore.


A soli 2 km, sulla strada del ritorno, abbiamo visto la Cascata del Toce dall’alto (controllate sempre gli orari di apertura!), ripreso la macchina, facendo una sosta foto a valle della Cascata.

Per chi ha tempo e voglia, c’è un percorso per arrivare a piedi da cima a valle o viceversa.


Che dire: ci torneremo sicuramente!

Un abbraccio

Eleonora.

Annunci

Gita fuori porta: Mantova

Ciao a tutti!

È passato un po’ di tempo dall’ultimo post… tutto perché mi sono presa un momentino di pausa per recuperare tempo prezioso assieme al mio piccolino e al mio dolce marito.

Questo WE abbiamo fatto qualche giorno fuori casa, visitando una città a noi vicina e vista per la prima volta secoli fa: Mantova.

Che piacevole sorpresa! E’ davvero stata una gita fuori porta davvero voluta, tra benessere e breve scoperta artistico-culinaria della città.

In breve il percorso per vedere (mooooolto  velocemente) Mantova ed il suo centro storico.

Abbiamo parcheggiato in uno dei moltissimi parcheggi gratuiti (sì… gratuiti!!) intorno alla zona del Ponte San Giorgio.

Abbiamo quindi visto il Castello omonimo, per poi raggiungere il Duomo e il Palazzo Ducale in Piazza Sordello.

Da qui, una piccola deviazione verso Piazza Virgiliana, ove risiede il Monumento a Virgilio.

Tornati lungo Viale Cairoli, siamo andati a Piazza Broletto, con la Chiesa di Sant’Andrea, ed alla Piazza delle Erbe con la Torre dell’Orologio, da dove si origina Corso Umberto I, ricco di negozietti (a proposito, mi sento di consigliare un negozio FAVOLOSO per chi come me ama l’arredo shabby/country in ogni sua forma e colore!! http://www.gelsominicasa.it)

Giunti a Piazza Cavallotti, ci dirigiamo verso Piazza Martiri di Belfiore, direzione Palazzo Te.

Lungo il percorso ammiriamo il Palazzo di Giustizia e la Chiesa di San Barnaba, fino arrivare alla Casa del Mantegna e la Chiesa di San Sebastiano.

Una volta giunti a Palazzo Te, consiglio di entrare e vedere gli affreschi al suo interno. Io ahimé non l’ho fatto, ma ho il ricordo vivo di una bella gita scolastica di (ormai) un po’ di anni orsono.

Nel tornare indietro, abbiamo preferito raggiungere la sponda del Lago Inferiore per ricongiungerci al Ponte San Giorgio.

Sulla strada, ci siamo fermati a cenare presso la Taverna Cinquecento, che consiglio vivamente per l’ottimo rapporto qualità/prezzo.

Abbiamo soggiornato poco fuori Mantova, presso l’Hotel Villa dei Tigli a Rodigo (MN), che dista circa 25 min dal centro.

La scelta è stata dettata dal fatto che siamo andati grazie ad un favoloso regalo/cofanetto dei miei suoceri. Non male, posto pulito ed elegante, forse 4 stelle sono troppe per l’offerta, ma non ci siamo trovati male (abbiamo approfittato del centro benessere all’interno della struttura, piccolo ma ben tenuto).

Spero che questo breve resoconto sia utile a chi vuole fare una gita toccata e fuga in questa graziosa città. Vi lascio con una piccola gallery…

A presto!

firma blog copy

Mantova-0389

Mantova-0379 Mantova-0417 Mantova-0424 Mantova-0425

Mantova-0426 Mantova-0432 Mantova-0436 Mantova-0443 Mantova-0447 Mantova-0448

Mantova-0449 Mantova-0453 Mantova-0454 Mantova-0460 Mantova-0463 Mantova-0470 Mantova-0475 Mantova-0477